Laboratorio di Commedia dell’Arte | 6/8 settembre 2013

Fabbrica delle Bucce
Fabbrica delle Bucce

La Fabbrica delle Bucce Arte e Spettacolo è lieta di invitarvi al

LABORATORIO DI COMMEDIA DELL’ARTE

A cura di Michele Modesto Casarin

che si terrà presso la Sala A del Centro di Formazione Aziendale (ex Villas) all’interno del Parco di San Giovanni a Trieste nei giorni 6-7-8 settembre 2013.

Gli orari di lavoro saranno:
venerdì 6: 19.00-23.00
sabato 7: 10.00-13.00 / 14.00-18.00
domenica 8: 10.00-13.00 / 14.00-18.00

Per informazioni:
Francesca: 3492355409 – francesca.corrado80@gmail.com
Barbara: 3492828175 – barbarasinicco@yahoo.it

Linee Generali

Il Teatro del Gioco
La CDA in ambito didattico è necessaria a sviluppare gli elementi fondanti del Teatro, quali il ritmo, l’ascolto, il senso dello spazio, l’improvvisazione. E’ in questo caso un gioco serio: condiviso e collettivo, da cui deriva l’idea e la necessita del piacere dello stare in scena (da non confondere con l’autocompiacimento). Si propongono, quindi, esercizi di sensibilità e percezione tesi a stimolare l’auto-coscienza dell’attore. Oltre a esercizi con funzionalità individuale, verranno proposti tutta una serie di giochi di gruppo atti a migliorare la sensibilità d’insieme, nonché la prontezza, l’energia, l’implicazione e l’urgenza.

Il Teatro di Energia
L’energia intesa come vitalità da trasmettere ad un pubblico, che così investito viene richiamato ad una vitalità positiva attraverso esercizi di improvvisazione a tema e situazioni a canovaccio. L’Attore come portavoce di una eccezionalità: esposizione e presenza scenica. Come acquisirla, appoggi e centralità. Senso musicale del Teatro e dello spettacolo: ritmo/melodia/armonia. Respiro di una scena e di un’opera, entrata e uscita, pausa, progressione e digressione, dilatazione e restringimento, tempo e controtempo, tempo/ritmo. Fonetica e melodia del linguaggio del personaggio e armonia dei differenti linguaggi. Approccio fisico e “esterno” allo studio del personaggio, attraverso lo studio dei criteri fisici e fisiognomici, le logiche posturali, motorie, energetiche, dinamiche e ritmiche cercandone la coerenza con i dati emotivi e psicologici del personaggio. Mostrare come avviene un processo di caratterizzazione e successiva stilizzazione di un tipo.

Lo Schema di Lavoro
La Commedia dell’Arte si appoggia ad uno stile di rappresentazione totale, sul gioco d’ensemble, sul virtuosismo e l’istinto drammaturgico dell’attore. Ad un attore di Commedia si richiedono qualità d’interprete, mimo, musico, acrobata, ballerino e improvvisatore. Si cerca, inoltre, di comprendere e valorizzare le specificità di ogni attore. Obiettivo del corso è di studiare il sistema dei Commedianti dell’Arte, per mezzo di un’indagine volta alla definizione delle tecniche possibili che vadano poi a coniugarsi alla ricerca individuale. A tale scopo si lavora sulle tecniche indispensabili al gioco totale della Commedia dell’Arte.

Il programma del corso prevede un lavoro su:
* Origine e caratteri delle Maschere
* Movimenti gesti e recitazione peculiari di ogni personaggio
* Tecniche specifiche sull’uso della maschera
* Improvvisazione con le maschere
* Creazione del proprio personaggio/maschera
* Lazzi
* Trainig fisico
* Respirazione
* Ritmo
* Elementi di pantomima
* Lavoro sullo spazio scenico (palco di commedia)
* Improvvisazione su canovacci di Commedia dell’Arte.

Annunci

One Comment

Add yours →

  1. molto interessante… peccato che io sia una frana come attore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: